«BILICO»

Tags: Contemporary Art, Design, Italian, Italy, Made in Italy, Sculpture, Installation, New Media, Limited-editions.

Cio’ che ha spinto le artiste a scegliere l’uovo come oggetto della loro opera è il fatto stesso che l’uovo rappresenti una somma di simboli infiniti e meravigliosi: la vita che nasce, la fertilità, il rigoglio della crescita, la potenzialità evolutiva della vita, il progredire e creare nuova vita, la trasformazione alchimica degli elementi dunque il luogo protetto all’interno del quale avvengono le trasformazioni più incredibili della materia, la fragilità fisica ed emotiva di un cuore pulsante racchiuso in una forma così’ perfetta e armoniosa ma al tempo stesso così’ ostica, così delicata, così apparentemente piena e completa.

Secondo le AMEBE l’uovo racchiude in sé tutto ciò che è proprio dell’essere umano, della sua condizione fisica ed emotiva, della sua instabilità e del suo essere sempre al confine, sempre al limite tra due condizioni: l’essere forte e fragilissimo, l’essere pieno e vuoto, l’essere procreante e l’essere “arido e asciutto”, l’essere perfetto e l’essere inadatto, l’essere liscio,armonioso e l’essere sfaccettato.
Per rappresentare questa condizione di precarietà e di bilico, le artiste hanno posto l’uovo su di un filo di nylon lavorato con una tecnica di irrigidimento che ne enfatizza il senso di vertigine.

Il filo è il vero protagonista del racconto, dell’opera. Il soggetto. E’ il filo che segna un confine, un limite, che sostiene, che riempie uno spazio, determinante nella condizione emotiva di ciò che gli si pone al di sopra.

L’opera è in fin dei conti l’emblema della vita, la vita in senso ampio, la vita di chiunque, fatta di tensioni, di continui equilibri, di situazioni precarie, di scelte, si tratta solo di trovare il giusto mezzo aristotelico per non cadere, per sostenersi.
Al di sotto dell’uovo, una matassa di filo di cotone appena abbozzata, ambigua, informe, quasi astratta, ad identificare il “FORSE”, il “SE” di una condizione diversa.

Tipo e natura supporto: Vero guscio di uovo di gallina, filo di Nylon irrigidito, matassa di filo di cotone, base in legno
Luogo di realizzazione dell'Opera: Milano
Anno: 2017

© AMeBE (Alessandra Mantovani e Eleonora Barbareschi) - All Rights Reserved




Selected Artworks — 
CUPOLE. 2016 (ongoing)
PSYCHO.
2018
RI-CONTORSIONI. 2017
FISH OUT OF WATER. 2017
TUTTISANTI. 2017
BILICO. 2017
MAO MAO. 2017
WIND FORCE 12. 2017
PENE d’AMORE. 2015
EAT THE PLANET. 2014
CON TATTO. 2014
ZOCCOLE. 2013
CONTORSIONI. 2011
ITALICONS. 2011
RELAZIONI. 2010
EMBRIONE. 2010
APPESE A UN FILO. 2009
VitaDaAMeBE. 2008
MERIDIAN. 2007

About —
Awards & Exhibitions —
Inquiry & Commissions —

@culturalheritagedesign


follow AMeBE︎

© AMeBE (Alessandra Mantovani e Eleonora Barbareschi) - All Rights Reserved
Mark